Giuseppe Mazzini   

Info

Episodi da ricordare

Note

Amici

                                                                                            Note

 

                                                                                                 1

« Ebbi a lottare con il più grande dei soldati, Napoleone. Giunsi a mettere d'accordo tra loro imperatori, re e papi. Nessuno mi dette maggiori fastidi di un brigante italiano: magro, pallido, cencioso, ma eloquente come la tempesta, ardente come un apostolo, astuto come un ladro, disinvolto come un commediante, infaticabile come un innamorato, il quale ha nome: Giuseppe Mazzini. »

(Klemens von Metternich, Memorie, Ed. Bonacci, 1991)

                                                                                                    2

Imprigionato dal suo antico allievo Giacomo Medici - ormai divenuto generale, prefetto, marchese - a Gaeta, ottobre 1870, Giuseppe Mazzini scrisse a Lady Amberley:

" qui ho davanti a me il vasto mare e sopra di me il cielo dell'Italia. Questo mi basta..."

                                                          (Giuseppe Mazzini)

                                                                                                      3

"mettere al centro della propria vita il dovere senza speranza di premio senza calcoli di utilità"

                                       (Giuseppe Mazzini)

                                                   4

                              La patria Italia secondo Giuseppe Mazzini

 

 La patria è la fede nella patria.                           

Dio che creandola sorrise sovr’essa,

 le assegnò per confine le due più sublimi cose ch’ei ponesse in Europa,

 simboli dell’eterna forza e dell’eterno moto, l’Alpi e il mare.

Dalla cerchia immensa dell’Alpi,

simile alla colonna di vertebre che costituisce l’unità della forma umana,

scende una catena mirabile di continue giogaie

 che si stende sin dove il mare la bagna e più oltre nella divelta Sicilia.

 E il mare la ricinge quasi d’abbraccio amoroso

 ovunque l’Alpi non la ricingono:

 quel mare che i padri dei padri chiamarono Mare Nostro.

E come gemme cadute dal suo diadema stanno disseminate intorno ad essa

 in quel mare Corsica, Sardegna, Sicilia, ed altre minori isole

 dove natura di suolo e ossatura di monti e lingua e palpito d’anime parlan

 d’Italia.