Insurrezione della guarnigione di Fossano

 

 

Le bandiere sono corrette, però....c'è stata l'insurrezione a Fossano?

 

In questa figurina sono state rappresentate correttamente le due bandiere che sono riportate nell'immagine qui accanto. La prima  si trova nel riquadro in alto a sinistra,dove viene rappresentata la Cittadella di Alessandria con il Tricolore inalberato, nei tre colori che tutti conosciamo. L'altra, invece, è dispiegata al centro dell'immagine; i colori sono quelli della bandiera della carboneria, cioè rosso, nero,blu. L' informazione riguardante la bandiera della carboneria è stata prelevata dalla "Rivista Contemporanea", precisamente da un articolo di Cesare Beolchi, uno dei protagonisti dei moti del 1821. Più avanti  è riportato il brano che  confermerà ciò che abbiamo detto.

Questa citazione è stata presa dalla "Rivista Contemporanea nazionale italiana" del 1864 che si trova ad Harvard  e si può consultare on line seguendo questo collegamento:

 http://www.archive.org/stream/rivistacontempo30unkngoog#page/n801/mode/1up

 

Sul retro  della figurina viene riportato una versione dei fatti diffusa anche a Torino in quei giorni, ma non vera; si riferisce che il Colonnello Morozzo di San Michele esce da Fossano con un reggimento ribelle, ma cià non avvenne per un motivo ben preciso. Il conte di Santa Rosa, dopo  il ritiro di Carlo Alberto, cerca di fermare la rivolta, proprio Morozzo viene raggiunto in tempo  dal messaggio e si ferma, ma in questo modo si "brucia". Negli "Annali d'Italia" riferiti al 1821  abbiamo trovato il passo che vi proponiamo. Altre fonti  dicono che il suo superiore si informò e seppe che non c'era alcuna rivoluzione: la guarnigione comunque non partì.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annali D'Italia dal 1750 compilati da A.Coppi tomo VII dal 1820 al 1829.