IL TELAIO

 

Altri elementi del telaio a mano e/o meccanico:

B :

BANCHINA

C:

CASSA ,CASSA BATTENTE,CONTRAPPESI

E:

ECCENTRICI 

L:                                                                                                    

LAME

P:

PEDALI       

T:

TEMPIALE                                                                                                                

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BANCHINA: zona d’appoggio per la navetta e cose varie. Deriva da banco, dal franco bank, rimasto aderente al significato originario di asse o tavolo.Chierese: banchin-a.

clicca per vedere la foto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CASSA per il pettine; il vocabolo cassa deriva dal latino capsa=cassetta; battente è part. presente di battere, dal latino battuere. Chierese: cassia.

CASSA BATTENTEper la navetta: elemento del telaio che porta la navetta, che, dice Carlo Ronco "a dasìa l’andi a la navëtta" cassiòt batàn. Nei telai a mano c’era un elemento di cuoio, ër rat ëd coram (curam), che faceva correre la navetta dall’altra parte del telaio con una spinta.

clicca qui per vedere la foto

  clicca per visualizzare la scheda del museo

CONTRAPPESI: pesi che tengono in equilibrio i fili. La parola è composta da contra+peso, dove peso deriva dal latino pensum, neutro sostantivato di pensus, part. pass. di pendere=pesare. Chierese: pèis, badòcc.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ECCENTRICI: elementi che hanno sostituito i pedali . Deriva dal tardo latino eccentrus = che ha il centro fuori. Chierese: ecèntrich.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LAME: leve comandate dalla macchina a ratiera alle quali vengono fissati i licci quando sono più di due o quattro (se sono solo due o quattro si usano gli eccentrici ).Deriva dal francese lame, che è il latino lamina. Chierese: lame, lamin-e.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PEDALI: utilizzati dal tessitore nel telaio a mano per alzare o abbassare i licci. Il vocabolo deriva dal latino pedalis= della misura di un piede. In chierese: carcori, da caricare, spingere (leggi: càrcuri).

 

clicca qui per vedere la foto

              

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TEMPIALE: organo fissato lateralmente al telaio, sul quale si aggancia il tessuto per tenerlo nel senso della larghezza ed evitarne, così, il restringimento in seguito all’accorciarsi delle trame a mano a mano che si intrecciano i fili dell’ordito. In questo modo il tessuto sta allargato e la spola tesa. La parola deriva da un antico tempia=asse. Chierese: tempiàl.

clicca per vedere la foto