San Giorgio

    Risale al 1037 la prima documentazione della esistenza di un "castrum" sulla rocca di S. Giorgio ed probabile che proprio attorno a questo castello si sia formato il primo nucleo medievale di Chieri. Si presume che la scomparsa del "castrum" sia avvenuta dopo la nascita del Comune di Chieri e risalirebbe al 1329 l'erezione della torre comunale, che oggi funge da campanile della Chiesa. La costruzione della Chiesa fu avviata, probabilmente, agli inizi del XIV secolo. Distrutta nel 1412, la chiesa venne riedificata e completata nel 1441 ad opera della famiglia Villa. La pianta rettangolare, a tre navate, l'abside della navata centrale poligona, sorretta da contrafforti

Disegno della classe 3E

    La ristrutturazione, avvenuta in et barocca, parrebbe doversi dividere in due momenti separati dal rilievo, datato 1752, eseguito da Bernardo Vittone e conservato nell' Archivio Storico di Chieri. Tra i dipinti che meritano l'attenzione del visitatore vi sono cinque tele tutte attribuite al Moncalvo o alla sua scuola. Altri due dipinti raffiguranti S. Francesco di autori ignoti, ricordano la presenza dei Frati Minori in quella che oggi la casa parrocchiale, ma che, dal 1531 al 1775, fu il Convento dei Frati Minori Osservati di S. Francesco noti come "zoccolanti". Completano il tesoro artistico della Chiesa una statua lignea della Vergine e un reliquiario in argento del XIV sec.

ritorna all'indice dei monumenti