Torre Ferrero

Tratto tra Piazza Cavour e via XX Settembre era occupato, nel Medioevo , dalle case dei Balbo-Bertone e la stessa via maestra qui mutava nome in" Contrada Balborum". In questa zona sorgevano non meno di cinque torri;oggi restano solo tracce di quella dei Bauzoni al n. 42 di Via Vittorio Emanuele, mentre si conserva intatta, unico esempio chierese, quella dei Freisi. de Balbi, in vicolo della Madonnetta, vicino a via Balbo. La toponomastica moderna la lega alla famiglia che, in questo secolo, ha avuto la proprietÓ della casa alla quale Ŕ adiacente, i Ferrero.

Disegno degli allievi della 3E

 

La struttura del poderoso edificio Ŕ tipica e non deve trarre in inganno la porta sulla strada aperta in epoca recente per dare accesso al negozio che occupa il piano terra. In origine la costruzione si presentava senza aperture, se si eccettua la porticina posta al primo piano in corrispondenza del ballatoio della casa adiacente e alcune feritoie per dare luce alla scala interna che porta nella soffitta. In questi ultimi anni Ŕ stata restaurata e internamente suddivisa in camere collegate da una scala a chiocciola, per renderla fruibile a fini abitativi .

ritorna all'indice dei  monumenti