SETTORE : filatura
OGGETTO : fusi

NOTE DI FUNZIONAMENTO : i fusi venivano utilizzati per avvolgervi le fibre tessili.

Le fibre tessili venivano arrotolate insieme, formando un piccolo filo unico e poi avvolte sul fuso.

NOTE DELL'ARCHITETTO LUISA INGARAMO:

Il fuso Ŕ uno strumento per la filatura databile nel 1700. E' fabbricato in legno ricavato dalla tornitura o intaglio, a sezione rotonda e assottigliato alle estremitÓ e tozzo nel mezzo. La sua lunghezza Ŕ di 27 cm e il diametro di 3 cm. Vi sono delle leggere decorazioni o cerchi incisi. Il fuso viene utilizzato per avvolgervi le fibre tessili. Le fibre tessili venivano arrotolate insieme, formando un piccolo filo unico e poi avvolto nel fuso. Il filo viene fissato con un nodo alla cocca del fuso; la filatrice lo fa prillare con un movimento repentino e rotatorio alla cocca tenuta tra pollice, indice e medio della mano destra, mentre le altre due dita, appoggiate leggermente al fuso rendono regolare la rotazione. Il filo, ben ritorto, si allunga fino al pavimento con il fuso e gli si avvolge intorno e si fissa di nuovo alla cocca superiore.

 

 

 


Per tornare ai settori del museo