Le due cugine                                                                                                                                                                                                                                                                                     

C' erano una volta due sorelle, una delle quali aveva una figlioletta molto bella. Anche l' altra sorella ebbe una bambina. La prima sorella pose la figlioletta accanto alla cugina e poi si mise sotto il letto in attesa che lto. Entrarono le fate per predire il futuro alla nipote. Una di esse, avvicinane fate andassero a predire il futuro alla nipotina. Poi, siccome aveva fame, prese una noce e la schiacciò. I malli li gettò davanti al letdosi al letto, fu punta dal mallo di noce, sentì dolore e non prese la bimba per farle un buono augurio, disse:  -Quando questa piccola si sposerà, possa diventare un corvo e andare raminga per il mondo.La zia, nascosta sotto il letto, si addolorò per il triste destino che la fata aveva predetto alla nipote. Quando la ragazza crebbe, si sposò. Le due cugine si somigliavano moltissimo. Il giorno del suo matrimonio, la zia si mise a piangere. Intervenne la nipote e le chiese:  - Perchè piangi, zia?  - Piango perchè, quando nascesti, la fata ha detto che, il giorno del tuo matrimonio, diventerai corvo.  La ragazza sospirò. Allora intervenne la cugina: - Oggi, quando sarai a tavola e verranno i corvi, noi usciremo e saliremo, tu ti leverai gli abiti da sposa e li indosserò io. Stà tranquilla perchè non ti tradirò. Appena la sposasi fu svestita, disse ( alla cugina ):  - Quando verrò io metterai in casa un secchio di latte e ti nasconderai dietro alla finestra per osservarmi. Quando la sera gli sposi andarono a letto, il maritonon si accorse che la ragazza vestita da sposa era la cugina della moglie. Questa gli disse: - Noi dobbiamo dividere i letti e dormire separati, perchè io ho fatto un voto: per tre anni e tre giorni devo stare lontano da te. La notte in cui trascorsero i tre anni e i tre giorni, andarono i corvi e riportarono la prima ragazza. Quel "corvo" entrò nel secchio con latte, si trasformò ancora in bella ragazza  e potè stare nuovamente accanto al marito.   

Torna ai racconti