tito6.jpg (9338 byte)

hombut.jpg (3087 byte)

La meridiana delle Orfanelle

Da restaurare, nel cortile interno della casa di riposo Orfanelle di Chieri, in Via Tana, un orologio solare con stilo in parte mancante e con quadrante sbiadito dal tempo, interessante perché le linee originarie ottocentesche non sono state artefatte. La direttrice dell'ospizio, Paola De Nale, ha contattato per i lavori lo gnomonista Mario Tebenghi, e si sta cercando uno sponsor per l'opera. "Una delle rare meridiane volte perfettamente a sud, con la linea del mezzogiorno contrassegnata dalla maiuscola M" interpreta Tebenghi leggendo tra le frammentarie linee residue" che segna le ore locali solari in uso nel 1803 quando è stata costruita, con precisione fino ai quarti d'ora; le cifre corrispondenti alle ore, alle mezz'ore e ai quarti d'ora si trovano su tre distinte fasce degradanti. La contorna un semplice antro giallo. La lettera J che sostituisce il numero uno nella data in capo allo strumento è un vezzo tipicamente nordico (vedi Germania, Trentino) diffusosi ovunque. Buttando acqua sulla parete vedremo di scoprire altri particolari che ci permettano di ricostruirla". Da interpretare, infatti, anche il motto assai rovinato.