Elementi particolari del telaio con macchina Jacquard

PER APRIRE LE PAGINE, CLICCARE SULLE LETTERE ALFABETICHE

 

AGHI;

ARPINI

CARTONI

     

 

 

 

DISEGNO

MOLLE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

AGHI: elementi di ferro che spingono gli arpini per lasciarli scendere o mandarli in presa alle lame di ferro. Deriva dal latino acus. Chierese: gcia, plurale gucji, dal latino acucula .

ARPINI: elementi di ferro che alla base hanno legato un gruppo di corde che scendono all'altezza del telaio, dove sono legate le maglie tra le quali passa il filo d'orditoNella parte alta invece, sono forniti di ganci che si attaccano alle lame di ferro necessarie alla levata. Deriva dal latino harpem=falce, che deriva dal greco hrpё. Chierese: arpn.

clicca sull'immagine per vedere la foto ingrandita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CARTONI : Il movimento degli aghi regolato da cartoni sostenuti da un prisma e perforati in modo da riprodurre disegni dalle forme pi varie e complesse: il prisma con il cartone batte contro gli aghi, lasciando immobili quelli che vengono a trovarsi in corrispondenza dei fori. Oggi sono stati sostituiti da dispositivi a comando computerizzato, con trasposizione automatica di qualsiasi disegno. La parola cartone deriva da carta, dal latino charta, dal greco khrtes. Chierese: carton, cartlon, (cartun, cartlun), dissgn..

clicca sull'immagine per vedere la foto ingrandita

 

 

DISEGNO: elemento di cartone forato per far levare l'arpiono e pieno per far scendere lo stesso. Deriva da disegnare,derivato di signum= che cede al tatto. Chierese: mle

clicca sull'immagine per vedere la foto ingrandita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MOLLE: strumenti suscettibili di trasformazione elastica non permanente, che nel telaio servono al movimento dei fili: la parola deriva dal latino mollis= che cede al tatto, alla pressione. Chierese: mle.

clicca sull'immagine per vedere la foto ingrandita