IL NOVECENTO
Chieri, tra la fine dell'Ottocento e i primi decenni del Novecento, vive un periodo di importanti trasformazioni economiche ed è attraversata da fermenti e innovazioni che la proiettano definitivamente nell'età contemporanea. E’ in questi anni che la tessitura chierese entra in una dimensione più ampia e moderna: anche se il progresso tecnologico è lento (l'energia elettrica, in città, giunge solamente nel 1909) e permane il carattere artigianale e famigliare dell'industria cittadina, cresce enormemente il volume delle sue attività e dei suoi commerci. L'espansione dell'industria tessile porta con sé un forte incremento demografico (3000 nuovi abitanti dal 1881 al 1911) e conseguenti problemi sociali; l'aumento della popolazione pone in evidenza le carenze strutturali di una città in cui case, strada, scuole e infrastrutture sono ancora quelle di un paese agricolo e artigianale, demograficamente ed economicamente. Le esigenze delle classi lavoratrici salgono alla ribalta di pari passo con l'incremento progressivo del numero di operai addetti alle manifatture locali (1109 operai tessili nel 1862, circa 7000 nel 1907).
Nel 1910 gli opifici erano a 29 unità , e la produzione si caratterizzava prevalentemente per “mollettoni” e “catalogne” o coperte da letto di cotone sia bianche che colorate , oltre che per tessuti “piquets” , “bandere” , “basini” , “terlizzi”.Sulla base di uno studio anteriore al 1957, in Chieri risultano operanti 2.250 telai meccanici per stoffe diverse, 1.982 telai per coperte, 1.250 telai per arredamento e 700 orditoi, bobinatoi, spoliere, con produzione annuale pari a 5-6 milioni di metri di tessuto per arredamento, 20.000.000 di m. di tessuti per abbigliamento. Da una statistica del 1.974, su una popolazione di 30.500 abitanti, risultano addetti all'industria manifatturiera 7.135 femmine e 4.774 maschi.

 La ditta Fasano
A destra l'Imbiancheria del Vajro

A sinistra la tintoria caselli

A sinistra alcuni dipendenti della ditta Gallina

A destra la sede tessitura Gallina

Tessitura per esposizione della ditta Gallina

L’industria tessile è tuttora all’avanguardia in tecnologia , servizio , qualità e si specializza costantemente per seguire le esigenze di mercato , distinguendosi in particolare per inventiva e design. Possiede un ciclo un ciclo completo di lavorazione , che parte dalla progettazione e passa attraverso filatura , tessitura , tintura per terminare con il finissaggio idoneo alle caratteristiche tecniche dei vari prodotti.

Torna all'indice