Parenti stravaganti

Benvenuto in un mondo dove tutto è possibile! Dove vagare per casa è ancora un' avventura, dove si può avere per zie tre streghe, oppure avere tre cugini simili a un tornado. Ma non anticipiamo troppo!  Sei dunque un bambino di nome Luca con i capelli color sabbia corti corti, con gli occhi simili a nocciole e un naso sbarazzino.

Sei abbastanza basso e magro come un gamberetto a digiuno da parecchie settimane. Ciò che ti terrorizza di più, oltre ai tuoi parenti sono le cimici, anche se sono delle bestioline alquanto innocue; ma questa fissa ce l'hai da quando avevi più o meno quattro anni... E si sa, da piccoli si tende ad esagerare. Torniamo a noi; è una piacevole mattinata estiva, per precisare il 23 di Giugno, le vacanze sono iniziate da circa 10 giorni e tua mamma, puntualmente, ogni giorno a colazione ti rimprovera dicendo:" Incomincia a fare i compiti! Non vorrai mica fare come l'anno scorso che l' ultimo giorno di vacanza dovevi ancora risolvere 17 problemi e 14 espressioni!". Così,  stanco di quelle sgridate alle 9,53 ti metti di mala voglia, a fare i compiti; scegli quelli di matematica, la materia che odi insieme a tante altre. Niente di tutto ciò faceva presagire che cosa sarebbe accaduto di lì a poco a casa Ciaretti... Hai appena aperto il libro e adocchiato un esercizio particolarmente facile che qualcuno, meno gradito di una cimice veneziana, suona il campanello 3 volte.

CHI POTRÀ MAI ESSERE!?!?!