LOCALITA'  : - CASCINE TETTI FASANO E BALBIANO

DEDICATO : - MARIA IMMACOLATA

(L' PILUN D' MACIAFER )

Storia e leggenda relativa alla costruzione di questo pilone e del materiale utilizzato.

Don Angelo Bartolomasi presso il Seminario Arcivescovile di Chieri, Ť stato per parecchi anni anche cappellano della chiesa dedicata a San Liborio, a Tetti Fasano e Cascine Balbiano.

Era sua abitudine percorrere la strada campestre a piedi recitando il santo Rosario, recita, che caso strano terminava al medesimo punto in aperta campagna.

Questa coincidenza fu interpretata come un segno che la Madonna volesse essere ricordata in quel preciso punto.

Alla proposta del loro cappellano di costruire un pilone, fu accolto con entusiasmo dai bravi borghigiani, che vollero utilizzare come materiale, il simbolo del calore e delle loro fatiche "L' maciafer".

L' maciafer era materiale di scarto recuperato dal funzionamento dei motori a scoppio, che allora funzionavano a carbone durante la trebbiatura.

Il pilone votivo fu inaugurato nel 1910, con, dentro la nicchia, la statua di Maria Immacolata.

Don Bartolomasi, nominato vescovo, non dimenticÚ mai i bravi borghigiani, che ricambiano ancora oggi con affetto e riconoscenza.