LOCALITÀ - VIA TANA N. 22 - CASA BECHIS

DEDICATO - MADONNA CON IL BAMBINO

Secondo gli appunti di Luigi Anfossi,nella toponomastica di Chieri del 1800, questa zona veniva indicata come Borgo del Nuovo, in realtà era formato da casupole a volte fatiscenti, oggi in molti casi restaurate o almeno risistemate. In una di queste, sul ballatoio all'epoca in legno, è stato conservato un dipinto su tela con cornici in legno, rappresentante la Madonna con il Bambino. Nell'anno 1997 il dipinto, di cui non si conosce la datazione ne l'autore, è stato restaurato nella risistemazione dell'abitazione.                              

La professoressa Vaudano ci dice che l'affresco di notevoli dimensioni, riquadrato da una doppia cornice rettangolare; riproduce una Madonna con il Bambino sulla destra su un prato con diverse specie di vegetali accuratamente riprodotta.

"Goffamente imprigionato da due aperture moderne sulla facciata di una casetta secentesca priva di qualità, martoriata da segnaletica stradale e cavi vari, è attribuito con certezza a Guglielmo Caccia detto il Moncalvo, operante in Chieri nel diciasettesimo secolo. (Autore, ad esempio, dei grandi telari di San Domenico).

L'affresco noto alla Sovrintendenza dei Beni Artistici e Storici del Piemonte, e stato accreditato al Moncalvo dal professore Giovanni Romano e dalla dottoressa Michela di Macco della citata Sovrintendenza.

La Madonna è effigiata in atteggiamento di tenerezza."

Ingrandimento della fotografia della Vergine con il Bambino

per tornare alla mappa

per tornare all'elenco vie