LOCALITA': VIA ALBUSSANO N.6 CASA RONCO

DEDICATO: MADONNA CON BAMBINO

Sul confine delle vecchie mura di Chieri, in alto sulla facciata della casa Ronco, si può ammirare un dipinto murale, con l'effige della Madonna con il bambino. Il dipinto è sottolineato da una cornice in rilievo. In via Albussano esistono ancora edifici rustici costruiti nel 1400, ora sono oggetto di restauro conservativo.

Dopo il restauro:

La professoressa Vaudano ci ha reso delle notizie sulla Madonna del Globo di v. Albussano. E'  una delle più singolari Madonne di Chieri. In occasione del recente restauro di una Madonna su lastra di metallo di circa 150 anni fa, è comparsa questa bella immagine di Maria col bambino, di fattura secentesca ( forse della metà del secolo), realizzata ad affresco. Di rilievo alcuni insoliti particolari: il Bambino che poggia sul braccio destro e il globo sorretto con la sinistra (elementi dell'arte orientale ) e ancora Madre e Figlio che non si guardano (il Bambino volge attenzione al mondo e Maria rivolta altrove non pare corrispondere ai canoni iconografici di Colei che intercede per gli uomini presso Dio). Il dipinto, che rileva caratteristiche fiamminghe e qualche richiamo alla Madonna del Melograno di Raffaello, fa bella mostra su un edificio intelligentemente ristrutturato che vanta una storia importante: si tratta della torre di guardia del ponte levatoio tra il rio  e la seconda cerchia di mura, edificata tra il XIII e il XIV sec. e successivamente demolita. In questa zona la tradizionale devozione chierese per la Madonna si è espressa con una serie di immagini a strati sui muri degli edifici di civile abitazione, con una serie di variabili nei soggetti, sempre mariani. 

Particolare del terzo braccio:

Il restauro, condotto da Paolo Crivellaro, ha fatto affiorare un terzo braccio della vergine, forse di fattura ottocentesca, un po' rozzo e rustico, espressione di una cultura contadina e di un vecchio grossolano restauro reinterpretativo dell'immagine votiva. Gli attuali proprietari , da moltissime generazioni di moranti nell'edificio, i signori Ronco, hanno deciso di ricoprirlo, tornando ai caratteri originali del dipinto.

Per tornare alla mappa

Per tornare all'elenco vie