Il maggiordomo rivelò di essere stato lui ad uccidere il conte perché l’aveva licenziato sostenendo che non era abbastanza efficiente; così aveva preso la pistola del conte nella sua camera da letto e aveva inserito il silenziatore in modo tale da non far sentire lo sparo.

Edgar si avvicinò furtivamente al signor Giacomo e mentre egli sorseggiava il suo the con i pasticcini il maggiordomo gli sparò alle spalle.

Il povero conte era stato colpito sulla testa.

Se vuoi puoi

 

RICOMINCIARE IL RACCONTO

 

oppure scegli un altro racconto