SETTORE : tessitura
OGGETTO : telaio a ratiera a mano a 20 licci

DESCRIZIONE : partendo dall'alto, c'è la ratiera, da cui scendono alcuni fili, che sono attaccati ai licci, i quali sono tenuti fermi da molle attaccate ad assi. Nella parte posteriore ci sono, legati, i fili di ordito e i contrappesi per tenerli tesi mentre sono avvolti nel subbio. I fili vengono fatti penetrare attraverso le maglie dei licci e il pettine, trasformati in tessuto, il quale è, a sua volta, trasferito in un subbio girato a mano.

Ratiera 

Ratiera vista dall'alto

Ratiera vista dal basso

Ratiera vista dal basso

NOTE DELL'ARCHITETTO LUISA INGARAMO:è un particolare dell'artigianato locale, ed è stato realizzato all'inizio dell' '800. Questo telaio ha la funzione di produrre il tessuto "bandera" a nido d'ape; la sua struttura è lignea e il ferro è usato solo per il pettine, il meccanismo di apertura ordito per inserimento trama. Le dimensioni sono: altezza pari a 295 cm, larghezza 220 cm, profondità 230 cm. L'elemento caratterizzante questo telaio è la ratiera ( ratoira ), costituita da un' impalcatura di legno cui vengono appesi tramite delle corde i licci. Grazie alla ratiera si ha la possibilità di usare un telaio anche con 20 licci ed il lavoro del tessitore è estremamente semplificato poiché l'utilizzo di questo elemento inserito sulla sommità del telaio permette di comandare tutti i licci con un solo pedale. Completano poi il telaio i licci, il pettine, il regolatore per l'avanzamento del tessuto, il tempiale ed infine il subbio dell'ordito e il subbio del tessuto.

 


muspul.gif (9989 byte)