Elda Virone

magazziniera

-Cognome e nome: Virone Elda.

-Data e luogo di nascita: 29/9/1916, Chieri

-Che lavoro (o quali lavori) ha fatto nella sua vita? Ho fatto la tessitrice e la commessa di magazzino, addetta alle spedizioni di gabardine per impermeabili e poi tende

 

-.Dove ha lavorato? Alla ditta Gallina per cinque anni; poi, dopo la chiusura, alla ditta Cottino e Garrino, una tessitura in strada Pessione.

Nella tessitura Gallina facevo coperte e copriletti poi, nella Cottino, lavoravo come spedizioniera. Si facevano stoffe

-Per quanti anni ha lavorato? Dal 1927 al 1978, fino alla pensione, raggiunta all'età di 52 anni. Tessitrice per 5 anni, magazziniera per 30 anni.

-Quanti anni aveva quando ha iniziato a lavorare? Ho cominciato il giorno del mio quindicesimo compleanno.

-In famiglia, chi lavorava come Lei in tessitura? Mia madre faceva le spole a casa e noi bambini le consegnavamo alle fabbriche. Lavorava con il "ruèt". Mio fratello, di 10 anni, faceva il caricatelai. Mio padre, al ritorno dalla guerra, faceva il trasportatore: raccoglieva il filato nelle varie fattorie e con i cavalli le trasportava a Cirié da Casalegno. Viaggiava tutta la notte e rientrava la sera del giorno successivo , questo tre volte alla settimana.

-In che cosa consisteva il suo lavoro? Come magazziniera lavoravo nel magazzino spedizioni della ditta Cottino-Garrino; i tessuti arrivavano dal finissaggio in rotoli, che si chiamavano cavi. In un cavo c'erano più pezze sovrapposte, che venivano separate, e poi ogni pezza veniva passata al tribunale che controllava che non ci fossero difetti; conclusa questa operazione, si facevano i pacchi.

-Quante ore lavorava la settimana e al giorno? Alla settimana 54 ore, al giorno 9 ore; dipendeva anche dal lavoro che c'era da fare.

-Era pericoloso o faticoso il lavoro che svolgeva? Era faticoso. Ho avuto per un bel po' mal di schiena, perché i cavi che arrivavano al finissaggio erano pesanti e solo volte ci aiutavano gli uomini a sollevarli.

-In che cosa il suo lavoro era diverso da quello che attualmente fanno i suoi colleghi? Penso che la prassi sia sempre la stessa, anche se so che ora ci sono delle ditte (una della zona di Andezeno) in cui le mie colleghe fanno solo i controlli, e cioè il lavoro del tribunale.

-Ha dei ricordi? Quando andavo da Gallina venivo pagata ogni 15 giorni e ricevevo 110 lire per la quindicina. Portavo la busta intera a mia madre, che mi lasciava 10 lire con cui però dovevo vestirmi. Se mi fermavo di più in fabbrica, quando aiutavo la passalicci, venivo pagata fuori busta e mia madre mi lasciava quanto guadagnavo in più. Da Gallina facevo i turni 6-14/14-22, anche il sabato. Erano tempi duri; mia madre si trasferì in campagna per poterci sfamare, almeno lì poteva tenere polli e conigli.

Le interviste
Home page Quarini